Viaggi

II parte del Vademecum sull’Austria

Riprendiamo con la seconda parte del vademecum sull’Austria…

MEDICINE: contrariamente al mio solito, partiamo con una farmacia al seguito. Il pargolo cucciolo soffre tutti i mezzi di locomozione, per cui mandata dal marito a comprare qualcosa contro il mal di mare e il mal di macchina, mi faccio consigliare dalla farmacista e acquisto i braccialetti per il piccolo e i cerotti per i grandi (meglio essere previdenti!). Poi le bustine per i miei mal di testa fortissimi, che mi vengono una volta tanto, ma quando viaggio mi vengono sempre, degli antinfiammatori, la Geffer (e se il cibo ci restasse tutto sullo stomaco?), l’aspirina, l’Efferalgan, la Tachipirina (neanche stessimo andando in Africa, però in Austria, si sa, c’è freddo e un raffreddore può venire), le garze e gli antibiotici per la cornea graffiata del piccolo e la pomata per la scottatura delle mie dita (perché noi prima ddi partire, non ci siamo fatti mancare niente!) e i cerotti. Ritorno a casa fiera del mio bottino, io, che di solito, se ho il mal di testa me lo tengo, se mi viene la febbre mi copro e aspetto che mi passi e via dicendo, mi sento in confronto una Florence Nightingale provetta. Mostro i miei acquisti al marito, che mi dice che “cerotti e braccialetti per il mal di mezzi non servono a niente”… Esce e va comprare pure le pilloline, quelle amarissime, perché quelle, sì, che sono efficaci! Per farla breve, nessuno si è sentito male, nessuno, nonostante una traversata di andata con un mare forza 5 e la guida “sportiva” di mio marito, si è sentito male. In compenso gli antidolorifici li abbiamo finiti tutti, perché, oltre al mio mal di testa (quello non è scappato), il marito si è fatto male alla schiena nel percorso sugli alberi… E’ evidente, non c’ha più l’età!


ODORI:

forse sarebbe più indicato dire puzza, ma in un blog di cucina non è conveniente parlarne, però per la maggior parte del tempo, tanto in montagna quanto a Vienna l’ “odore predominante” era quello di cacca… A St Michael di mucca, a Vienna di cavallo. Certo nella città dell’imperatrice che amava la natura e soprattutto i cavalli e che nella sua stanza personale aveva più foto di cavalli e di cani che dei suoi figli (anzi a dire il vero c’era solo quella della figlia minore e basta!), non potevano mancare frotte di carrozze trainate dai cavalli! Però, e qui mi levo tanto di cappello, mai un piccolo escremento a terra! I cocchieri sono molto attenti a raccoglierla in un telo, che poi puliscono buttando il “raccolto” in un secchione e alla fine della giornata, strada ben lavata!!! Questa sì che è civiltà!


ORIENTAMENTO: 4 uomini senza alcun senso dell’orientamento! E dopo tre giorni di affidarsi (soprattutto all’uomo di casa), ho deciso di prendere in mano la situazione se non volevo camminare più del dovuto! In geografia sarò pure scarsa, ma in orienteering vado forte!!!

PAESAGGIO: Il paesaggio è verde, tutti i colori del verde. Ogni tanto una casetta, tutte uguali, e tutti i balconi, ma proprio tutti, con i fiori che vanno dal rosa al rosso al viola, le uniche note colorate. Anche il nostro albergo aveva i fiori al balcone, che ci hanno chiesto gentilmente di innaffiare ogni giorno e noi gentilmente ce ne siamo occupati. Come avremmo potuto non farlo dopo tanta cortesia?


PISCINA: L’albergo di St. Michael disponeva di una bellissima piscina, con vetrate su uno splendido paesaggio pieno di alberi e un prato pieno di fiori, col sole che entrava prepotente anche se poi fuori la temperature era di soli 13 gradi. C’era anche l’acqua gym… ma io tocco solo sui gradini… e nella piscina dei piccoli l’acqua mi arriva al polpaccio… Ma vie di mezzo, in questo paese, no? Però, sono gentili in questo paese: hanno provveduto a ciascuno (e ripeto e sottolineo a TUTTI) un salvagente di quelli che si mettono in vita… così tutti abbiamo potuta farla!!! I partecipanti avevano un’età media di 65 anni, compresi noi che l’abbassavamo un po’. Ma quanto so’ attivi, ‘sti arzilli signori di prima mattina, poi me li ritrovavo tutti in sauna(vedi voce Sauna) e poi? Il deserto! Non è che fra queste due attività riposavano?

Questa proprio non so in che ordine metterla e quindi ve la racconto così com’è. Mi è successo con ogni figlio e mancava solo il pargolo n.3. Nove anni fa era successo col pargolo n. 2, sempre in piscina, sempre in vacanza. Allora eravamo andati a Vulcano e ci trovavamo in un complesso di boungalows. Il nostro era lontanissimo dalla piscina, dalla reception, dal ristornate ed io ero, per giunta, incinta. Ogni mattina supplicavamo i nostri dolci pargoli di fare la cacca, ogni mattina e ogni mattina, tanta era la premura di andare in piscina che non la facevano. Ogni mattina, dopo che eravamo arrivati in piscina dovevamo tornare di corsa indietro. Così una mattina, l’ennesima, io dissi che non saremmo tornati indietro, ma non sortì nessuno effetto lo stesso. Appena arrivati in piscina, come da copione, il pargolo n. 2 mi disse che doveva fare la cacca e io, così, tanto per dire, gli risposi “ed ora la puoi fare qui”! Più veloce della luce si abbassò il costumino e la fece proprio a bordo piscina. Io non sapevo se ridere o piangere. Per fortuna San Marito arrivò e ci pensò lui a risolvere il problema. Da allora non era più capitato e cantavo vittoria che il pargolo n. 3 mi avesse risparmiato… Ma siccome non potevamo esimerci da cotanta esperienza, anche lui ci ha deliziato. Era in piscina da solo e noi siamo andati a prenderlo. Gli diciamo di andarsi a farsi la doccia che noi lo aspettiamo fuori. Lo vediamo arrivare trafelato tutto bagnato e col costume in mano… e ci racconta: “ho avuto un incidente” e io mi sento male, “non l’ho fatto apposta” e io mi rianimo, “ma mi è scappata la cacca e l’ho fatta nel costume”, mi sento svenire e il peggio non era ancora arrivato “non sapevo che fare e l’ho buttata nel cestino della carta…” Anche stavolta medesima reazione, non sapevo se ridere o piangere, e nel frattempo interviene Santo Marito… ecco perché l’ho sposato!!!
PITTORE PORCO: ok, non riesco a ricordare il nome, ma a quanto pare è pure famosetto… I miei figli si sono sganasciati dalle risate durante tutta la visita al museo… io non facevo altro che arrossire… e più io arrossivo e più loro mi chiedevano “ma che rappresenta quel quadro?” Vi mostro solo un quadro, il più pudico!

PREZIOSI: Vi assicuro che non ho mai visto tanta abbondanza e bellezza come nelle gioiellerie austriache! Non una, dico nemmeno una gioielleria che avesse esposto gioiellini da niente! Gioielli meravigliosi, regali, importanti, bellissimi, super raffinati anche se super vistosi e le vetrine sempre montate, giorno e notte… in una frase? Il paese giusto per me!
RISTORANTI: Si cena, ufficialmente, alle 18 e alle 20.00 e chiudono alle 22, 30, ma chissà perché, ogni volta che arriviamo noi, ci sentiamo sempre in ritardo, perché i locali sono assolutamente vuoti (in montagna). La gentilezza, però, è davvero strabiliante e la pazienza anche. Nessuno parla italiano, ma tutti parlano l’inglese e ci spiegano ogni singolo ingrediente… soprattutto a me, delusa dai ristoranti gluten free che gluten free non sono, indicandomi per filo e per segno tutto per evitarmi sonore intossicazioni e ci sono riusciti! Grazie!
Piccola nota: purtroppo la maggior parte delle pietanze contiene glutine, le zuppe sono spesso addensate con la farina, la carne è impanata e gli gnudel sono fatti col pane, per cui non è semplicissimo mangiare per un celiaco. Consiglio quindi di partire con la vostra valigia di scorta con i prodotti senza glutine e soprattutto con il pane casereccio della Giusto, che non ha bisogno di essere infornato ed è buono da mangiare anche appena si apre la busta.


RITMI: frenetici in città, ma sempre assolutamente in maniera ordinata, composta e silenziosa, troppo calmi in montagna!

TEMPERATURE: La temperatura più bassa è stata di 13 gradi, la più alta di 20… ma voi lo capite che per una africana come me, questo è inverno rigido??? A Vienna invece fresca. le temperature si alzano come in una normale estate… non palermitana. Si cammina volentieri e non si suda (o quasi), poi, la notte, quando tutti siamo a nanna, diluvia. Meglio di così?


TOPONOMASTICA: i miei tre delinquenti imparano subito a dire Katschberg (da loro pronunciato Kazz…berg), ma non fanno altro che dire “qui in Australia…” Avvilita da questa loro ignoranza, mi limito a dire che lì ci sono solo mucche e non canguri … mi rincuoro al primo negozio di souvenirs, quando vedo una maglietta con su scritto “NO CANGURS IN AUSTRIA!” Quando si dice “mal comune mezzo gaudio!

SALISBURGO:


-Assolutamente da vedere, invece, è il CIMITERO di Salisburgo. Le lapidi sono in ferro battuto e le tombe ricoperte completamente di fiori meravigliosi. Unico consiglio: non portatevi un bambino fissato come il mio per le storie di personaggi e soprattutto non ditegli che c’è sepolta la sorella di Mozart, Naennerl, se non volete che il resto del viaggio lo passi a chiedervi dove è sepolto il fratello più famoso e perché lei non è diventata famosa quanto il fratello, visto che il talento ce lo aveva uguale! (P.s. Non l’hanno convinto i miei discorsi femministi contro i maschilisti dell’epoca…)

-HELLBRUNN e GIOCHI D’ACQUA:


Assolutamente da non perdere la residenza estiva dell’arcivescovo burlone di Salisburgo. Ora ho capito cosa intendevano per giochi d’acqua. Siamo tornati in albergo letteralmente colati, ma non vi dico quanto si siano divertiti i miei pargoli, ma anche noi adulti… inutile dirvi che è stata la cosa più apprezzata della città.


-MOZART: me lo avevano detto, ma la visita alla casa di Mozart è stata davvero deludente… si può evitare, nonostante si sia a Salisburgo!

SCARPE: dopo tutta la fatica di trovare delle ciabattine tacco 4, le stesse, sono rimaste assolutamente intonse… mai usate, col freddo che c’era ho usato solo le Geox, che di tacco fa solo 3! In compenso le ciabattine per la sauna erano tacco -1…

SISSI: il mito della donna libera e innamorata dell’imperatore, viene subito sfatato da tutte le audio guide del paese. La presentano come una depressa, incurante del marito, del paese e cosa ancor peggiore per una mamma italiana, dei figli, tanto che nelle sua stanze private e soprattutto in quella dove lei passava la maggior parte del tempo a farsi spazzolare i capelli e fare esercizi fisici per mantenere il peso, ci sono foto dei suoi familiari, dei suoi amati cavalli, dei poeti ribelli dell’epoca e nessuna foto dei 4 figli! A me è diventata subito antipatica e non solo per tutto quello che finora ho detto, ma perché quando ho scoperto che era alta ben 1,75 e pesava solo 50 chili, che potevo fare da reale food blogger fissata col cibo? Non rimaneva che odiarla!


SAUNA: A Sankt Michael c’era anche la sauna, anzi per dirla tutta non c’era solo la sauna. C’erano il bagno turco, la sala a infrarossi, la sala relax, i massaggi e quant’altro fa benessere. Ma io non posso far niente, per via della pressione che è bassa, almeno quanto me! Così accompagno il marito dopo essere stata in piscina, umiliata dalla sua profondità, e decido di aspettarlo nella saletta relax e ascoltare un po’ di musica… mi accorgo, però, che sono tutti nudi e soprattutto tutti maschi, spaparanzati sopra queste sdraio, beati… capisco di avere un fortissimo senso del pudore… mica posso essere l’unica col costume… e me ne vado!


SHOPPING: se c’è una nota negativa, va proprio sotto questa voce! Il bottino, anche stavolta, è stato piuttosto magro… ma purtroppo finché partirò col detentore assoluto e indiscusso (meglio indiscutibile) della carta di credito, io sarò sempre in minoranza. Comunque qualcosina sono riuscita a strapparla, per cui mi porto a casa un libro di ricette austriache, fiori secchi per uso alimentare, olio di semi di sesamo e di zucca (introvabili a Palermo), le sfoglie di riso (così potrò rifare gli spring rolls in maniera decente… si spera) due sciarpette, e una valanga di palle di Mozart… ma solo perché il goloso di casa, in realtà è Lui, il mio “dolce, dolcissimo” doppio! E poi io sono già abituata a cotanta ricchezza 😉


SILENZIO: il silenzio è quasi surreale e non solo in montagna. Si dorme bene e si riposa realmente. In Austria l’inquinamento acustico non esiste né di giorno né di notte, né se c’è un cantiere edile, nè se c’è traffico. Il nostro albergo era al centro della capitale e non aveva i vetri insonorizzati e si sentivano gli uccellini… certo in montagna dovrebbero parlare con le mucche, che, evidentemente, non sono austriache! Ma per il resto abbiamo sospettato che fosse un paese di muti, macchine comprese!
VESTITI: mi sono chiesta perché tutti andassero vestiti da tirolesi, se non ci trovavamo in Tirolo. Elegantissimi abiti di tutti i colori e con i tessuti più disparati. Anche gli uomini giravano con il tipico costume, che ho anche cercato di acquistare per il pargolo n.3 (l’unico disposto ad indossarlo… per carnevale), ma i prezzi sono esorbitanti. Poi li ho visti vestiti normalmente e ho smesso di chiedermi il perché!

VIENNA: Chi dice che bastano tre giorni per visitarla, non sa di cosa parla! Noi ci siamo stati una settimana, con ritmi serratissimi, con turni che iniziavano alle 9.00 e finivano alle 20.30 e non siamo riusciti a vedere tutte le meraviglie che possiede… Fra l’altro siamo riusciti a sfruttare al meglio le risorse della città, perché, sebbene i musei e i monumenti chiudano alle 18.00 (in estate), un giorno a settimana, a turno, prolungano il loro orario fino alle 21.00 e noi non ci siamo mica fatti sfuggire l’occasione!


-CASTELLO BELVEDERE: A parte la bellezza del luogo, che lascia assolutamente senza fiato, la cosa più spettacolare è che al suo interno si trova una collezione di quadri di Klimt, fra cui il Bacio… vi assicuro sono assolutamente da lasciare senza fiato: quando si dice che il talento c’è!


-SCHOENBRUNN: Non per ripetermi ma tutti i castelli degli Asburgo sono veramente strepitosi e questo non fa eccezione. La cosa veramente strabiliante è che non si visita un palazzo vuoto dove tu devi immaginarti tutto. Il palazzo è pieno di storia, di mobili, quadri, soprammobili e foto dell’epoca. Ma cosa ancora più strabiliante e già l’ho detto è che sono resi interessanti anche per i ragazzi e questo non è assolutamente poco!


-HOFBURG: il palazzo reale degli Asburgo e la collezione più vasta di piatti, posate, suppellettili e forme per dolci che abbia mai visto in vita mia. Inutile dirvi che mi sono chiesta più volte perché il buon Dio mi abbia fatto nascere nella famiglia sbagliata e nel periodo sbagliato… scorre sangue blu nelle mie vene!

-NEUEBURG: fatto costruire da Francesco Giuseppe per andarlo ad abitare con la sua sposa, non riuscì mai a farlo! In compenso adesso ospita una sezione (enorme) del Kunstische Museum… è meraviglioso!

I nostri giovani VIRGULTI: si sono divertiti e quindi non hanno rotto… più di tanto! Però che fatica non farli annoiare, pure il percorso sugli alberi mi sono dovuta fare, oltre ad una sfida in go kart!

WIENER SCHNITZEL: nient’altro che la nostra cotoletta… ma il nome è esotico e ormai a casa si chiama così!

Infine e non per ordine alfabetico, ma solo per conclusione ovvia, il ritorno! Una sola parola: straziante! Vi dico solo che già tre giorni prima di tornare progettavo già il prossimo viaggio… che ho allungato di una settimana ancora!

A presto di nuovo con qualche ricettina

Stefania Oliveri

No votes yet.
Please wait...

You Might Also Like

31 Comments

  • Reply
    Jesolo hotels
    3 Gennaio 2013 at 12:58

    Sono molto contento che ti è piaciuto il vostro soggiorno in Austria. Le foto e la storia sono molto interessanti. Grazie!

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    fantasie
    2 Settembre 2010 at 21:42

    Gloria Cucè: mia cara, infatti penso che sia siano accorti che sono diventata rosso pomodoro… Ho visto i tuoi post e sei una grande!!!

    Laura: grazie mille 🙂

    Dauly: ho visto il retino per i giornali e i miei figli non ci potevano credere… e in effetti per noi è strabiliante!!! Anche io non amo molto la vacanza in montagna, e infatti questa è stata la mia prima e, quindi, concordo che a lungo andare può assolutamente scocciare soprattutto quando la nottte diventa così lunga, visto che chiudono tutti prestissimo! Però Vienna è bellissima, ne sono rimasta incantata!

    enza: grazie cara 😉

    Le pellegrine Artusi: Simona sei troppo buona con me! gRAZIE!

    Patricia: il tasso di testosterone è altissimo (almeno quello…!!!) ;)))

    pagnottella: amore, anche ioooooo!

    Lady Cocca: ecco!!! Saggia decisione! e io ti lascio volentieri tutto il formaggio mio! :***

    parentesiculinaria: le palle di Mozart già valgono tutto il viaggio!!!

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    ( parentesiculinaria )
    2 Settembre 2010 at 18:56

    Ecco la bella Salzburg! E che dire delle Palle di Mozart…! Mitiche 🙂

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    Lady Cocca
    2 Settembre 2010 at 8:25

    Tesoro la prossima volta vengo con te….ch posti meravigliosi…e poi io mangerei il formaggio al posto tuo!!!
    ciaooooooo

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    pagnottella
    2 Settembre 2010 at 6:14

    Amore mio…ti abbraccio forte forte forte…

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    Patricia
    1 Settembre 2010 at 15:59

    Divino reportage, complimenti per la tua familia (alto tasso di testosterone) e guarda che in quella foto in accappatoio ho vist che ti sei appoggiata con charme e ti sei messa in punta di piedi…. hihihi!!!
    besos, pat

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    Le pellegrine Artusi
    1 Settembre 2010 at 14:49

    Bellissimo questo reportage di viaggio, mi hai fatto ricordare le mie vacanze a Vienna, che nostalgia per quei posti stupendi. Le tue ricette gluten free sono meravigliose. Ciao Simona

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    enza
    1 Settembre 2010 at 6:32

    meraviglioso reportage..ora grazie a te se dovessi andare saprei
    come comportarmi….
    bellissima famiglia!!
    baci

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    dauly
    31 Agosto 2010 at 21:02

    conosco bene vienna e salisburgo e l'austria in generale avendoci passato 12 anni di ferie amate-odiate!
    amate per l'educazione, la pulizia, il rispetto e il senso civico degli austriaci…si è mai visto in italia un semplice retino raccogli spiccioli per prendere il giornale assolutamente a portata di ladruncolo e dove non manca mai un centesimo??….odiate perchè parte di queste erano fatte in montagna, che io detesto calorosamente pur consapevole dei panorami mozzafiato e la pace -troppa – che si respira !
    noi si cenava a casa ad orari italiani… errore !! ora di finire e prepararsi per berci un qualcosa a un caffè ed era già tutto chiuso..ora, le 22 massimo !
    per me gufo di natura, un incubo!

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    Laura
    31 Agosto 2010 at 16:35

    Ciao Stefania, le foto sono bellissime!!…che bei posti 🙂
    Un abbraccio!!

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    gloria cuce'
    31 Agosto 2010 at 14:27

    dimenticavo!
    Le foto sono bellissime, e anche i tuoi figli, complimenti!

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    gloria cuce'
    31 Agosto 2010 at 14:24

    Non vedevo l'ora che pubblicassi la seconda parte! Un resoconto minuzioso e come al solito divertente, io al tuo posto alla sauna, davanti a tanta nudità, sarei morta dalla vergogna.
    Il mio mese di agosto è stato un po' più frenetico come potrai vedere dai post, ma sempre degli impegni piacevoli.
    Baci Gloria

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    fantasie
    31 Agosto 2010 at 13:37

    Eli: Tante persone mi hanno detto che nel Tirolo non hanno avute buone esperienze con gli Austriaci… per fortuna io ho incontrato solo gente carina!

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    eli
    31 Agosto 2010 at 13:11

    Alcuni anni fa sono stata anche io in Austria ,ma solo in montagna a Lienz nel Tirolo dove ho potuto fare passeggiate stupende, in mezzo a gente un po' meno stupenda.

    Mi sono divertita a leggere il tuo simpatico report e ho ammirato i bei luoghi che hai visitato 🙂

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    fantasie
    31 Agosto 2010 at 8:57

    Scarlett: Assolutamente chiamami!! :***

    Gunther: no, non ci sono andata per non soffrire… ee poi i miei sarebbero diventati obesi… meglio evitare 😉

    Vale: Avevo detto a quel farabutto di mio figlio di non prendere i piedi!!! Ma con quel tacco -1 (adatto alle temperature locali) come facevo a non darmi un aiutino??? Ma sai una bella osservatrice tu!!! Le ricette arriveranno fra breve 😉

    laroby: che bello "nobildonna inside"!!! Sì, sì, Sissi era proprio così e anche di più, assolutamente concentrata su se stessa e con un amante, per di più… lei sicuramente era nobile, ma inside proprio no!

    Fabipasticcio: C'erano appese tante foto nel primo albergo e le spose erano tutte vestite così!
    Sissi, terribile donna, concentrata su se stessa… e assolutamente da compatire…
    Vienna e Salisburgo piene, anzi stracolme di magia e magari un giorno ci ritorniamo insieme!!!
    Baci

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    Fabipasticcio
    31 Agosto 2010 at 7:48

    Concordo su tutto!
    Anche la mia pal aveva un vestito "tirolese" che tirolese non è e guai a confonderli! Lei lo usava nelle occasioni speciali ed infatti li ho visti indossare spesso nelle feste o ai matrimoni o altre cerimonie.
    Sissi? la vera Sissi era non solo depressa, ma anche anoressica e se ne può solo aver pena…il mito è stato creato a bella posta dal film , però Vienna e Salisburgo sono piene di magia.
    Quanti bei ricordi che mi hai fatto rispolverare! grazie
    Baci Baci

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    laroby
    31 Agosto 2010 at 7:30

    cara amica nobildonna inside, mi sono bevuta il tuo post in un sorso !!! come sempre la tua scrittura scorre veloce e le tue parole strappano sorrisi (a volte anche sane risate!!) complimenti per la tua bellissima famiglia !
    a presto
    p.s.: ma davvero la sissi era così, come dire?, str….a ???:-))
    abbasso l'imperatrice!!!

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    Vale
    31 Agosto 2010 at 7:22

    mi piacciono molto i tuoi resoconti circa i viaggi…

    simpatica l'idea degli albergatori di chiedere di innaffiare le piante ^-^

    ti ho pizzicata in una foto in punta di piedi: ma sei terribile!

    ho letto di un ricettario, quindi aspetto di vedere i risultati!

    ciao ciao

    Vale

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    Gunther
    31 Agosto 2010 at 7:10

    gran bel reportage molto sincero, si in austria sono molto disinibiti non fanno troppo caso alla nudità, ma non sei andata da Sacher o da Demel per i dolci?

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    fantasie
    30 Agosto 2010 at 22:34

    Repetita juvant! ;)))

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    fantasie
    30 Agosto 2010 at 22:33

    Giulia: ma quanto sei dolce???? Ti adoro!

    Chiara: hai addirittura "i vestiti" tirolesi???? Ma io ti adoro!!!

    Antonella-Vera: grazie mia cara! Sono contenta di aver fatto nascere la curiosità verso l'Austria che è un posto che merita di essere visitato!

    Milena: grazie!!! puzze a parte 😉

    Elena: e quando si hanno figli alla cacca si è abituati… e fra poco pure ricominci… Un bel burlone anche il tuo ometto, eh? Baci mia cara!!!

    Alessandra: il tacco era -1… assolutamente adeguato alle temperature locali! Per il supplemento mi sa che dovrai attendere… è stata già una faticaccia questo simil vademecum… di cacca… tanto per restare in tema! ;)))

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    fantasie
    30 Agosto 2010 at 22:33

    Giulia: ma quanto sei dolce???? Ti adoro!

    Chiara: hai addirittura "i vestiti" tirolesi???? Ma io ti adoro!!!

    Antonella-Vera: grazie mia cara! Sono contenta di aver fatto nascere la curiosità verso l'Austria che è un posto che merita di essere visitato!

    Milena: grazie!!! puzze a parte 😉

    Elena: e quando si hanno figli alla cacca si è abituati… e fra poco pure ricominci… Un bel burlone anche il tuo ometto, eh? Baci mia cara!!!

    Alessandra: il tacco era -1… assolutamente adeguato alle temperature locali! Per il supplemento mi sa che dovrai attendere… è stata già una faticaccia questo simil vademecum… di cacca… tanto per restare in tema! ;)))

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    fantasie
    30 Agosto 2010 at 22:33

    Giulia: ma quanto sei dolce???? Ti adoro!

    Chiara: hai addirittura "i vestiti" tirolesi???? Ma io ti adoro!!!

    Antonella-Vera: grazie mia cara! Sono contenta di aver fatto nascere la curiosità verso l'Austria che è un posto che merita di essere visitato!

    Milena: grazie!!! puzze a parte 😉

    Elena: e quando si hanno figli alla cacca si è abituati… e fra poco pure ricominci… Un bel burlone anche il tuo ometto, eh? Baci mia cara!!!

    Alessandra: il tacco era -1… assolutamente adeguato alle temperature locali! Per il supplemento mi sa che dovrai attendere… è stata già una faticaccia questo simil vademecum… di cacca… tanto per restare in tema! ;)))

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    fantasie
    30 Agosto 2010 at 22:33

    Giulia: ma quanto sei dolce???? Ti adoro!

    Chiara: hai addirittura "i vestiti" tirolesi???? Ma io ti adoro!!!

    Antonella-Vera: grazie mia cara! Sono contenta di aver fatto nascere la curiosità verso l'Austria che è un posto che merita di essere visitato!

    Milena: grazie!!! puzze a parte 😉

    Elena: e quando si hanno figli alla cacca si è abituati… e fra poco pure ricominci… Un bel burlone anche il tuo ometto, eh? Baci mia cara!!!

    Alessandra: il tacco era -1… assolutamente adeguato alle temperature locali! Per il supplemento mi sa che dovrai attendere… è stata già una faticaccia questo simil vademecum… di cacca… tanto per restare in tema! ;)))

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    fantasie
    30 Agosto 2010 at 22:33

    Giulia: ma quanto sei dolce???? Ti adoro!

    Chiara: hai addirittura "i vestiti" tirolesi???? Ma io ti adoro!!!

    Antonella-Vera: grazie mia cara! Sono contenta di aver fatto nascere la curiosità verso l'Austria che è un posto che merita di essere visitato!

    Milena: grazie!!! puzze a parte 😉

    Elena: e quando si hanno figli alla cacca si è abituati… e fra poco pure ricominci… Un bel burlone anche il tuo ometto, eh? Baci mia cara!!!

    Alessandra: il tacco era -1… assolutamente adeguato alle temperature locali! Per il supplemento mi sa che dovrai attendere… è stata già una faticaccia questo simil vademecum… di cacca… tanto per restare in tema! ;)))

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    alessandra (raravis)
    30 Agosto 2010 at 21:40

    Tesoro, contro il mal di stomaco da troppo ridere, hai niente, nella tua farmacia? Giulio è piegato in due pure lui e anzi, il bastardone, vorrebbe sapere il numero di cm del tacco delle ciabattine della sauna…
    io, però, voglio un supplemento, altro che "Vienna" e poi basta!!!!
    un bacione
    ale

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    Elena
    30 Agosto 2010 at 20:43

    Intanto ti dico subito che ho rivisto volentieri alcuni scorci dell'austria a me familiari…la puzza di cacca di cavallo a vienna la ricordo anche io e se proprio lo vuoi sapere…questo reportage esilarante l'ho letto a più riprese…causa cacca figlio…che ha appena imparato a farla nel vasino ma puntualmente mi prende in giro…mamma…ho fatto cacca…io mi alzo per andare a vedere prima che la usi come pongo e puntualmente… il vasino è vuoto!!! baciiii

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    Milena
    30 Agosto 2010 at 20:30

    Attendevo la II parte che trovo ancor più interessante della prima, fatta eccezione per le "puzze" ..

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    Antonella-Vera55
    30 Agosto 2010 at 18:57

    Grazie di questo dettagliatissimo e simpatico reportage!!!E' stato veramente piacevole leggerti ed osservare le tue foto.L'austria è bellissima e con il tuo post il desiderio di visitarla diventa quasi un "must".bentornata a casa e felice serata

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    Chiara
    30 Agosto 2010 at 18:37

    mi hai coinvolto anche stavolta, se torni in Austria ti presto i miei vestitini tirolesi!bellissimo reportage,un abbraccio…

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    Giulia
    30 Agosto 2010 at 18:18

    Stefania, che reportage esaudiente!.. Se dovessi ritornare in Austria, stamperò sicuramente il tuo vademecum!
    Sei bellissima!
    baci

    No votes yet.
    Please wait...
  • Leave a Reply