Dolci/ Lievitati/ Stagioni

Babà con farine naturalmente senza glutine, alla siciliana!

Babà senza glutine
È vero, io sono la fautrice del FACILE a tutti i costi, MA, da quando mi sono cimentata con i dolci della mia omonima, ci ho preso gusto e adesso voglio fare solo dolci difficili!
Ok, non è vero, però, è vero che ci sto prendendo gusto a sperimentare un po’ di più e ad addentrarmi nei meandri sempre più complessi dei lievitati.
E cosa di meglio di un bel babà?
Ok, vi dico la verità, in realtà è l’MTC che chiama e la FornoStar che risponde, perché se fosse per Stefania, me ne starei comodamente seduta sul mio bel divano a poltrire (o si dice divanare?)
Ma si sa, quando si ha a che fare con un alter ego, sopratutto come il mio, ogni tanto bisogna lasciargli il posto …
Così, indossando la mia super veste da FornoStar (da ora in poi FS, che non sta per Ferrovie dello Stato!!!), mi sono messa all’opera.
Al solito, la sfida non è sul babà, ma sulle creme.
Ma per la FS la sfida vera è proprio sul babà senza glutine (sono sempre Bastian contrario, io!)
C’è una discreta letteratura in tal senso (e già due, tre post sono una più che discreta letteratura in un mondo che ancora è all’alba della cultura e civiltà senza glutine).
Per questo voglio anche citare chi mi ha preceduta egregiamente.
Ovviamente (come sempre) le care Olga e Manu, che sperimentano, sperimentano e sperimentano e poi regalano la loro esperienza a noi. A loro, va tutto il mio ringraziamento speciale, perché già nel 2008 avevano fatto il loro primo babà con risultati sorprendenti.
E poi ci sono anche tante amiche celiache che si sono cimentate, con farine dietoterapiche e quasi tutte le marche di farine dietoterapiche che hanno dato la loro versione.
Io, però, ho voluto rifare la ricetta di Antonietta, vincitrice di questo MTC, adattandolo alle farine senza glutine naturalmente. D’altronde, come dicono proprio Olga e Manu, io sono una irriducibile!
E così la ricetta è quella di Antonietta, il mix di farine invece è mio, e il suggerimento del latte in polvere è di Olga e Manu. Il latte in polvere, infatti, rende più morbidi gli impasti e io non potevo certo trascurare questo aspetto. Così come loro è il trucco di aumentare un po’ i liquidi (quasi, se non più dell’80% rispetto alle farine), per avere un risultato morbido morbido e non “gnucco”!
Infine, sebbene il babà sia napoletano, io l’ho fatto parlare siciliano e così ho fatto un babà-cassata, cioè il massimo della goduria!

Insomma un’altra joint venture che ha dato i suoi esiti più che positivi!!! Anzi, senza falsa modestia, davvero strepitosi!

babà senza glutine 2913 g

E adesso vi do la mia ricetta.

 
 
babà senza glutine

babà senza glutine

Babà alla siciliana senza glutine, ma pieno di bontà di Antonietta

Per l’impasto dei babà
per 250 g di farina:
130 g farina di riso super sottile
45 g fecola
25 g tapioca
50 g latte in polvere
5 g di xantano
25 g di zucchero
100 burro fuso
100 g acqua (al posto del latte perché ho aggiunto il latte in polvere)
3 uova codice 0 (bio)
10 g lievito di birra
la buccia di un limone bio
gelatina di albicocche

Per la farcia
700 g di ricotta di pecora
350 g di zucchero
20 g di goccine di cioccolato

Per la bagna
1/2 bicchiere di Marsala 
150 ml di acqua
50 g di zucchero

Decorazione
Frutta candita a piacere 
perline argentate

 

Mescolate dentro la ciotola dell’impastatrice tutti gli ingredienti secchi, e nel frattempo sciogliete il lievito nell’acqua tiepida con un cucchiaino di zucchero.

 

Unite alle farine, con il gancio in movimento, il burro morbido, le uova, il latte e l’acqua con il lievito, aromatizzate con la scorza del limone.

 

Lasciate lievitare, coprendo con una pellicola trasparente la ciotola, fino al raddoppio. A me ci sono volute circa due ore, ma tutto dipende da quanto caldo c’è nella vostra cucina (nella mia tanto) e dall’umidità, quindi guardatelo a vista.
Al termine della lievitazione l’impasto sarà molle, perché i liquidi sono in quantità maggiore rispetto all’impasto col glutine. Non preoccupatevi, spalmatevi le mani con un po’ di burro e spolverizzatele con della farina di riso e non avrete difficoltà a modellare delle palline, che dovete mettere centri gli appositi stampini, imburrati e infarinati, riempiendoli fino a metà. 
A me ne sono venuti circa 12 di dimensione normale, ma anche qui, dipende dal vostro stampo.

 

Fate lievitare ancora mezz’ora.

 

Poi cuocete, in forno già caldo,  alla temperatura di 170°C (ventilato, altrimenti 180° non ventilato) per 30 minuti, circa.
Quindi sfornateli e spennellateli, mentre ancora caldi, con la gelatina di albicocche, e poi tuffateli nella bagna e fateli colare su di una gratella per dolci
 
Per la crema
Mettete in una ciotola la ricotta e lo zucchero, meglio se il giorno prima e passate la ricotta per averla bella liscia. Quindi unite le goccino di cioccolato, così come prevede la cassata siciliana.
Tagliate i babà a metà e riempiteli con una sax à poche e poi condite con frutta candita a piacere e confettini argentati, come nella migliore tradizione!

 

 
Erano buonissimi e senza retrogusto alcuno (pregio dell’uso delle farine naturalmente senza glutine).
 
 
 
Ed ecco l’interno. Come vi sembra? Si vedono pure le scorzette del limone!
Li abbiamo anche assaggiati in purezza, solo con la bagna ed erano strepitosi, morbidi e perfetti. E, perfino mia mamma, che è la mia giudice inflessibile, li ha assaggiati e ha detto che erano perfetti!
Questi sì che sono soddisfazioni!
 

 

Con questa ricetta partecipo all’MTC n. 39 sul babà

Gluten free Babà

For the dough of baba
for 250 g of flour :
130 g super thin rice flour 
45 g starch
25 g tapioca
50 g milk powder
5 g of xanthan
25 g of sugar
100 melted butter
100 g water
3 eggs code 0 ( bio)
10 g yeast
the peel of a lemon bio
apricot jelly
 
For the filling
700 g ricotta
350 g of sugar
20 g of chocolate goccine
 
to wet
1/2 cup Marsala
150 ml of water
50 g of sugar
 
decoration
Candied fruit
silver beads
 
Stir into a bowl of the mixer all the dry ingredients , and in the meantime , dissolve yeast in lukewarm water with a teaspoon of sugar.
Add soft butter, eggs, milk and water with baking powder. Flavored with lemon rind .
 
Let rise , covering the bowl with plastic wrap , until doubled. It took about two hours, but it all depends on how hot is your kitchen.
At the end of leavening the dough will be soft , because liquids are in greater quantities than the dough with gluten. Do not worry, put some butter on your hands and sprinkle them with rice flour and you will have no difficulty in modeling balls, that you have to put  buttered and floured molds, filling them halfway.
 
Let rise for another half hour.
Then bake in a preheated oven at a temperature of 170 ° C for 30 minutes , approximately.
Remove from the oven and brush them, while still hot, with apricot jelly , and then dive them in Marsala miture and let them drain on a wire rack for cakes
 
For the cream
Put in a bowl the ricotta and sugar , preferably the day before, and mix until smooth. Then add also drop of chocolate .
Cut babà in half and fill them with ricotta. Add candied fruit and silver beads.

 

A presto
Stefania Oliveri

You Might Also Like

34 Comments

  • Reply
    Elijah
    24 febbraio 2015 at 9:29

    I was starting to doubt that it was possible to find some decent content for once, I am getting tired of the never ending drivel I come across daily, respect.

  • Reply
    mari ►☼◄ lasagnapazza
    24 maggio 2014 at 13:48

    FS non sta per ferrovie dello stato e nemmeno per fornostar bensì per fantasticamente stupendissimo. Per questo tuo babà che tutto sembra fuorché senza glutine. Sei stata bravissima, anche per come hai deciso di interpretarlo. Complimenti e un bacione.

  • Reply
    giocasorridimangia
    22 maggio 2014 at 13:25

    Ciao consorella del gluten free e maestra, direi. Volevo farti i complimenti e prendere tanti appunti dalle tue ricette come questa. E magari convincermi a comprare lo Xantano.Bravissima 🙂

  • Reply
    Mariabianca
    20 maggio 2014 at 20:57

    Sei bravissima,babà perfetto.

  • Reply
    Günther
    20 maggio 2014 at 12:21

    viene voglia di tuffarsi dentro al babà per quanto è bello e venuto bene

  • Reply
    La Pasta Risottata
    20 maggio 2014 at 10:16

    Complimentissimi!! Un abbraccio. Vera

  • Reply
    Anna Luisa e Fabio
    20 maggio 2014 at 9:04

    Questa era davvero una sfida dura, per tutte le difficoltà che ben sappiamo. Quindi, fossi in te, sarei davvero molto orgoglioso del risultato. E ti concedo anche questa versione siciliana, perché secondo me la napoletana e la siciliana sono le migliori pasticcerie al mondo, quindi dò il mio consenso a questo matrimonio.

    Fabio

  • Reply
    Murzillo Saporito
    20 maggio 2014 at 7:07

    Come al solito resto senza parole. A guardare l'interno del tuo babà non avrei mai detto che non vi è traccia di glutine. Te l'ho già detto, qualsiasi cosa tu avessi fatto avresti vinto comunque e tu l'hai fatto alla grande. Bravissima!!!

  • Reply
    caris
    20 maggio 2014 at 6:18

    Sei sempre più brava! il babà è stupefacente!!! e la farcia..be, volevo fare una cosa simile anche io perchè mi ispirava assaiiii!

  • Reply
    Loredana
    19 maggio 2014 at 21:33

    Ho appena letto un altro babà senza gluine e sono rimasta colpita dal risultato, adesso vedo anche il tuo e…che dirti, ma siete straordinarie.
    Io invece ti chiedo dove trovare il latte in polvere che, presumo, non sia quello per l'alimentazione della prima infanzia.
    Quella bagna al marsala e quella farcia che parlano siculo, mi hanno conquistata 🙂

  • Reply
    Antonietta
    19 maggio 2014 at 20:47

    Stefania cara non puoi immaginare quanto abbia atteso questa tua ricetta.
    Poi meraviglia per me, scopro che hai usato le stesse farine utilizzate da me in un mio cake.
    E tutta quella sofficità e quella spugnosità non me l'aspettavo proprio da queste farine.
    Sicuramente la tua competenza e la tua bravura hanno dato il più grande contributo per arrivare a questi risultati
    Gli abbinamenti poi sono un tripudio di sapori, ben bilanciati e presentati con gusto e raffinatezza.
    Comunque replicherò passo passo la ricetta per una mia amica a cui già l'ho promessa pur non sapendo quale meraviglia ci avresti regalato.
    Un abbraccio

    • Reply
      Forno Star
      20 maggio 2014 at 21:30

      La sfida nella sfida! Sono contenta che tu l'abbia proposto, mi sembrava impossibile e invece è stato più semplice di quanto pensassi !

  • Reply
    Alessandra Inzerillo
    19 maggio 2014 at 20:41

    Mai fatto il baba' pensa te se cominciassi dal tuo! Prima di allora, mi complimento con te per la tua idea e per la foto . Ho tutti gli ingredienti per il baba….il resto lo trovo. Baci baci.

    • Reply
      Forno Star
      20 maggio 2014 at 21:27

      Allora tu sei come me, cominci sempre dalle cose più difficili! 😉

  • Reply
    Mirtilla
    19 maggio 2014 at 19:16

    tesoro,si vede proprio che sei sicula nel dna..la ricotta la metti ovunque!!!
    un bacione,Mirtill@

  • Reply
    poverimabelliebuoni/insalata mista
    19 maggio 2014 at 19:00

    Stupendo! Non poteva che parlare siculo il tuo babà!

  • Reply
    Fabiola Palazzolo
    19 maggio 2014 at 18:26

    in sintonia perfetta o l'amore per la nostra terra??? entrambi le cose, grande anche la tua versione!
    Un abbraccio.

  • Reply
    Alessandra Gennaro
    19 maggio 2014 at 15:59

    Dopo le prime tre righe del post, ero in confusione- fra Stefanie e Ferrovie dello Stato. Poi, ho letto la ricetta e la confusione è raddoppiata: è l'altra Stefania, vero, quella che ha fatto un babà così perfetto? 😛

    • Reply
      Forno Star
      20 maggio 2014 at 21:26

      No, è la FornoStar… ma la vicinanza dell'altra omonima le avrà fatto un gran bene! 😉

  • Reply
    patrizia vendramin
    19 maggio 2014 at 15:39

    Mmm… Stefania che bontà devono essere! Brava e in bocca al lupo per l'MTC!! Un abbraccio

  • Reply
    La Gaia Celiaca
    19 maggio 2014 at 14:54

    ti sono venuti bellissimi, stefania, davvero una meraviglia! io ero indecisa se "andare" di farine naturali oppure no, ora non ho dubbi, farine naturali a gogò!
    io però sono in alto mare sulla crema. non mi vengono idee.
    appena è uscita la ricetta mi sono detta: stefania li farà con la ricotta, e infatti…
    davvero meravigliosi, sono perfetti.
    via, bisogna che mi butti anch'io…

  • Reply
    batù batuffolando
    19 maggio 2014 at 13:59

    Sono sicurissima sia favoloso! però io passo subito a sbafare il ripieno perchè i dolci zuppi di liquore non mi fanno impazzire, mentre invece la ricotta sicliana, come qualsiasi cosa che sia siculo, assolutamente SI! (eheheh per forza avendo il papà marsalese… il dna mica è una frottola no?) 🙂 Vorrei tanto-tanto un bel piatto di busiate con il pesce spada Fornostar!!!! lo so che non c'entra niente ma mi è venuto in mente e l'ho detto (come fanno i bambini…) qui in piemonte le busiate non le trovo 🙁 …

  • Reply
    Giorgia Riccardi
    19 maggio 2014 at 12:55

    aaaaaaah stefania che goduria il babà con la farcia dei cannoli…svengo!
    un bacio e buona giornata!

  • Reply
    Audrey Borderline
    19 maggio 2014 at 12:41

    meraviglia!!! a guardarlo non sembra essere senza glutine…lo proverò 😉
    in bocca al lupo per l'MTC
    ciao ciao

  • Reply
    Paola Caratto
    19 maggio 2014 at 11:56

    Che meraviglia… è bellissimo che anche chi ha problemi di salute possa gustarsi i dolci e le cose che piacciono senza dovervi per forza rinunciare!

  • Reply
    La Cassata Celiaca
    19 maggio 2014 at 11:51

    STUPEFACENTE!!!!

  • Reply
    m4ry
    19 maggio 2014 at 11:22

    Complimenti davvero ! la perfezione di questo Babà fa venire invidia, ma in senso buono eh ! Un abbraccio !

  • Reply
    Monica Giustina
    19 maggio 2014 at 10:12

    Cappero che ricetta!! Uno sposalizio fantastico di babà e cassata eseguito in maniera perfetta, con una volontà tenace di usare farine naturalmente senza glutine che ti ha ripagata egregiamente! bravissima!

  • Reply
    Federica
    19 maggio 2014 at 9:48

    Stefania a parte la ricetta, a parte il babà in sè, a parte gli esperimenti che condividi, a parte tutto…grazie…per tutto quello che ho appena elencato, ma soprattutto per l'entusiasmo che trasmetti. Grazie perchè serve a chi, come me, viene all'improvviso catapultato in una dimensione diversa, poco conosciuta, che disorienta e ti costringe a reinventare un pò tutta la tua cucina.

  • Reply
    Francy BurroeZucchero
    19 maggio 2014 at 8:22

    Veramente stupendi Stefania! complimenti!!! voglio provarli anch'io senza glutine! dove trovi la polvere di xantana? so che è utile per i lievitati senza glutine ma non saprei dove reperirla! la tua sicilianità non poteva non entrare in questo babà e ne hai fatto una versione personalissima e meravigliosa! e se lo dice pure la tua mamma… 😉 a presto, FS!!! bacioni!

    • Reply
      Forno Star
      19 maggio 2014 at 11:21

      Si trova in farmacia, ma ha prezzi esorbitanti… Puoi sostituire con la farina di SEMI di carrube e il risultato, assicurano, sia uguale 🙂
      <3

  • Reply
    Chiara Setti
    19 maggio 2014 at 7:40

    Che spettacolo!! E poi la versione siciliana con la ricotta mi piace un sacco!!

  • Reply
    Giulietta
    19 maggio 2014 at 6:57

    Ecco, esatto, al di là vdel fatto che il tuo baba' mi psre assai goloso e che un abbinamento con crema di ricotta l'avevo messo in lista anch'io, io rrdto ammirata per le tue sfide con gli impasti senza glutine, dei quali qursto è solo l'ennesimo.

  • Leave a Reply