Primi

Risotto Radicchio, Ananas e Pancetta

18 Luglio 2014
Risotto Radicchio, Ananas e Pancetta

In questo post: Risotto Radicchio, Ananas e Pancetta

Il 17 luglio mio figlio è stato invitato ad una festa fantastica. Due suoi compagni (gemelli) hanno voluto festeggiare l’estate e la loro mamma ha organizzato una festa memorabile. Cominciamo con la location: un attico e superattico con una immensa terrazza che domina tutta Palermo, circondata dal parco della Favorita (chi l’ha mai visto dall’alto? Adesso io sì!) e che estende lo sguardo fino al golfo di Mondello (avete presente la bellezza?). Evvabbe’ i bambini naturalmente non hanno apprezzato questo aspetto… L’immensa terrazza (ben organizzata con salottini di vimini sparsi qua e là e gazebi che ne rinfrescano gli angoli salotto) è stata predisposta per far fare il bagno in una piscina, una caccia al tesoro, un angolo disegno a terra e uno creatività dove fare lavoretti tanto cari ai bambini, e questo sì che ai bambini è piaciuto tanto.
Arriviamo a casa di Silvia (questo il nome della mamma, anzi supermamma) e immediatamente Daniele viene spogliato e catapultato in questo mondo magico. Vado via subito (non prima di aver ammirato il panorama) e mio figlio neanche si accorge che me ne sto andando! Altro che capricci e “le mamme rimangono tutte alle feste, perché tu vai sempre via?” che ti fa sentire la mamma peggiore al mondo!
Sbrigo tutto quello che c’è da sbrigare, approfitto degli sconti per fare degli “affari” e comprare qualcosa di decente al mio adolescente in piena tempesta ormonale e non solo. Compro costumi (costumi? Non so se così si possono chiamare bermuda lunghi al polpaccio, larghi e griffati – altrimenti anche se lunghissimi e larghissimi, comunque non sono quelli giusti – i poteri di una scritta!), magliette, scarpe da ginnastica, insomma tutte quelle cose che i ragazzini desiderano, ma che ho deciso di comprare solo se costano quanto quelli “normali” (cioè non griffati, perché ho spiegato ai miei figli che tutti gli indumenti sono di marca, possedendo ognuno un loro marchio!!!) e torno, soddisfatta dei miei acquisti, o quasi, a riprendere il mio cucciolo, e penso “a questa ora mi aspetterà con ansia!”
Arrivo invece all’ora della merenda… Sul tavolo ogni sorta di leccornia e … tatan (sarebbero squilli di tromba) preparati tutti solo e rigorosamente da Silvia. E non solo. Tutto era finemente realizzato, ogni cibaria era “confezionata” rigorosamente da vero e reale finger food. Alla fine i dolci (proprio come si conviene, ma quanto è tradizionale!) e tatan (altro squillo di tromba): mini (ma veramente mini) muffins al cioccolato, briochine con nutella, budinetti al cioccolato e infine, ma assolutamente non ultimo, il parfait di mandorle, il più buono, squisito, eccellente, che io abbia mai mangiato! Inutile dirvi che ho proposto a Silvia di collaborare con il mio blog. Inutile anche dirvi come siamo andate subito d’accordo, ma è anche inutile dirvi come mi sono sentita assolutamente poco attiva. Fino a poco tempo fa detenevo il primo posto come supermamma (tre figli, lavoro, cucina, organizzazione di feste), ma mi sono vista assolutamente spodestare da questa grandissima donna che oltre a lavorare (ed è docente all’università), a seguire meravigliosamente i suoi figli (gemelli!) sotto tutti i punti di vista, non ultimo quello ludico, a preparare tutti questi manicaretti, è sempre di una serenità e calma invidiabile, al contrario di me che quando mi cimento nella metà delle cose, poi sono veramente isterica e intrattabile! Inutile anche dirvi che Daniele non voleva andare più via e Silvia lo ha pure invitato a restare a dormire a casa sua (“rimangono altri due bambini, che differenza fa se rimane anche tuo figlio!”) e per portarmelo via (strapparlo fisicamente dall’abbraccio intenso e tenace alla gamba di Silvia) ho dovuto promettere di invitarli al più presto a casa mia… ma che problema c’è? Dovrò stupirla con un super menu!
E siccome per adesso sono partiti mi sto avvantaggiando provando nuove ricette da riproporre!
 
RISOTTO RADICCHIO, ANANAS E PANCETTA
Risotto Radicchio, Ananas e Pancetta

Risotto Radicchio, Ananas e Pancetta

1 ananas

 

1 confezione di pancetta affumicata a cubetti

 

mezzo cespo di radicchio

 

pamigiano

 

curry

 

450 gr riso

 

vino bianco

 

mezza cipolla

 

brodo vegetale

 

olio extravergine d’oliva

 

Tritare la cipolla e mettere a stufare con l’olio, aggiungere la pancetta e quindi il riso e far tostare. Aggiungere quindi il vino e fare sfumare. Aggiungere il brodo a poco a poco. Nel frattempo fare stufare con l’olio un po’ di cipolla e il radicchio e quasi a fine cottura del riso aggiungere. Tagliare l’ananas a cubetti e fuori dal fuoco aggiungerlo insieme al curry, burro e parmigiano. Servire sull’ananas tagliato a metà.

 

Ottimo e très chic … ma lo mangeranno anche i gemelli?

A presto
 
Stefania Oliveri
No votes yet.
Please wait...

You Might Also Like

8 Comments

  • Reply
    sabrine d'aubergine
    13 Agosto 2009 at 8:09

    Caspiterina! Ricetta di grande classe e presentazione all'altezza! Complimenti, brava. A presto

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    Saretta
    11 Agosto 2009 at 14:53

    Giusto, non temere di sfigurare, prepari sempre cose buonissime e, mi pare tu sia anche una brava mamma quindi…:D
    Bacione

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    manu e silvia
    9 Agosto 2009 at 15:56

    Ciao! Ma è davvero una super mamma questa donna! una festa memomrabile a cui anche noi grandi ci saremmo divertiti a nostro parere!
    Hai avuto comunque un'ottima pensata a chiederle di collaborare con te nel blog!
    non preoccuparti del confronto: sappiamo che puoi tenerle testa egreggiamente!
    Questo risotto ci piace troppo…ce lo sgnamo eh?!
    baci baci

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    sogno93
    9 Agosto 2009 at 10:14

    una presentazione golosissima!!!!!! mi sono persa nel super attico con vista!!!!

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    alessandra (raravis)
    9 Agosto 2009 at 7:58

    un blog "in coppia" è una gran cosa: perché, a ben guardare, se il filo rosso che lega tutte queste cose è la condivisione, partire già da idee, progetti, stimoli vissuti e valutati insieme è una condivisione sperimentata sul campo. Senza contare tutti gli altri vantaggi, non ultima un'amicizia che cresce attraverso queste nuove esperienze. Auguri, quindi, a te e alla tua amica, che ha trovato un'eccelente compagna di viaggio!
    baci ( anche di scorta, fino a settembre….)
    ale

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    Federica
    9 Agosto 2009 at 6:29

    Ciao!!! che splendida ricetta e racconto!!
    complimenti!

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    Patrizia
    9 Agosto 2009 at 0:15

    Ciao Stefania, bella la tua ricetta, e il tuo racconto!!
    Se passi da me ti ho lasciato un premio
    Ciao
    Patrizia

    No votes yet.
    Please wait...
  • Reply
    Danea
    8 Agosto 2009 at 20:48

    Hai fatto sognare anche me col tuo racconto! Mi sembrava di stare ad un pranzo di corte!!
    Ma sono certa che anche tu riuscirai a stupirla, soprattutto con questo risotto, è eccezionale 🙂
    Buona domenica!

    No votes yet.
    Please wait...
  • Leave a Reply