Contorni/ estate/ Vegan

Melanzane, pomodori e peperoni e una opportunità da non perdere!

(Melanzane, pomodori e peperoni di Claudia Roden, english translation below)
Melenzane pomodori e peperoni

Melenzane pomodori e peperoni

Finalmente si muove qualcosa anche in Sicilia.

 
Cioè, non fraintendetemi, ci sono una miriade di prodotti meravigliosi, di eccellenza nella nostra bella isola, ma spesso, per diverse ragioni, sono prodotti poco conosciuti.
 
Grazie a Dio, le cose stanno cambiando e la globalizzazione, di per sé non meravigliosa, ha, però l’innegabile vantaggio di far conoscere più velocemente, facilmente e in maniera planetaria (ok, ho un tantino esagerato) prodotti di eccellenza ma che non hanno la forza di imporsi nel mercato.
 
Ecco perché, quando posso, quando verifico di persona, la cosa, mi permetto di segnalarlo nel mio blog.
 
Ora, conoscete bene, il mio amore per l’olio e per quello di Castelvetrano in particolar modo. Anche se, da tempo, ho avuto modo di provare olii diversi, di ogni parte di Italia, sempre oli di eccellenza, e devo dire che ho cominciato a capire che ad ogni pietanza si dovrebbe accompagnare un olio diverso, esattamente come si fa con il vino.
 
Ma torniamo nel seminato.
 
L’autunno è stagione di raccolta di olive ed è sempre bello poter assistere e partecipare, ma non sempre è possibile. 
 
Non tutti ne hanno la possibilità, perché non tutti hanno la loro campagna, o quella di un amico, dove poter fare l’esperienza.
 
Così, quando sono venuta a conoscenza di questa iniziativa, sono stata davvero contenta e così adesso la faccio conoscere anche a voi. 

 

 
Il fine settimana del 25 e 26 ottobre e del 1 e 2 novembre, in provincia di Trapani si svolgerà una manifestazione che si chiama Il tuo Olio Novello, perché si potrà assaggiare proprio dell’olio biologico nuovo.  

 

 
Una serie di agriturismi hanno messo a disposizione le loro strutture, le tenute e gli oliveti, ed  è stato elaborato un pacchetto vacanza denominato “il tuo Olio Novello”, che include la possibilità di assistere dal vivo alla raccolta delle olive e poter portare a casa l’olio novello DOP Valli Trapanesi. 

Il pacchetto include un soggiorno in pensione completa, comprensivo di pranzi e cene tipiche, la visita al frantoio con la molitura delle olive appena raccolte, il tour delle Saline Ettore e Infersa con visita ad un antico mulino a vento in funzione. 

 
 
 

Un’esperienza davvero speciale, che io ho già fatto l’anno scorso nel savonese e, devo dire, che ancora oggi mi porto dentro un ricordo davvero unico.

 

 

 

 

E, oggi, che siamo sempre più attenti all’alimentazione e ai corretti stili di vita, una vacanza del genere diventa anche un modo per rigenerare corpo e mente, dimenticandoci dei ritmi frenetici che spesso la città e la vita quotidiana, ci impongono. 

E ora, vi do anche una buona notizia. Per i lettori di Cardamomo & co. ci sarà uno sconto, un ottimo sconto. Quindi se siete interessati, non esitate a scrivermi, che vi darò il codice che vi darà accesso alla vacanza scontata. Affrettatevi però, perché i posti vanno a ruba e non ci sono ancora molti posti disponibili…

 

E ora, una ricetta presa dal bellissimo libro di Claudia Roden, La cucina del medio oriente e del nord Africa, che potrebbe essere benissimo una ricetta siciliana… ma d’altro canto quante dominazioni abbiamo avuto? E da ognuna abbiamo imparato qualcosa…

Le verdure, nella ricetta della Roden sono tagliate in maniera diversa da come ho fatto io, per il resto, è tutto uguale. Ma credo che sia proprio il taglio che faccia la differenza fra una ricetta siciliana e una medio orientale

Melenzane pomodori e peperoni

Melenzane pomodori e peperoni

Melanzane, pomodori e peperoni

2 melanzane
1 cipolla a fette
1 bicchiere di olio d’oliva
1 o 2 peperoni (io rossi, lei verdi)
4 pomodori spellati
sale e olio evo di Castelvetrano
Tagliate le melanzane a tocchetti e cospargetele di sale e lasciate riposare per mezz’ora, quindi lavatele e strizzatele.
Nel frattempo riscaldate dell’acqua e immergete i pomodori puliti, in maniera tale da spellarli più facilmente. Poi togliete l’acqua di vegetazione e tagliateli a dadini.
Soffriggete la cipolla nell’olio finché sarà appassita e dorata. 
Unite, quindi, peperoni e melanzane tagliate a tocchetti e fateli insaporire per una decina di minuti. Aggiungete i pomodori, salate e cuocete per 30 minuti (o finché il liquido delle verdure non sarà ridotto).
Lasciate raffreddare nella casseruola.
In Turchia vengono servite con dello yogurt insaporito con sale e aglio… ma io purtroppo non lo avevo… voi, provatelo.

 

Eggplant, tomatoes and peppers 
 
2 eggplants 
1 onion, sliced 
1 cup of olive oil 
1 or 2 peppers (red or green) 
4 peeled tomatoes 
salt and extra virgin olive oil
Cut the eggplant into cubes and sprinkle with salt and let rest for half an hour, then wash and squeeze. 
Immerse the tomatoes in hot water so you can peel them more easily. Then remove the vegetation water and cut into cubes. 
Fry onions in oil until they are brown. 
Put  peppers and eggplants and let them cook for about ten minutes. Add the tomatoes, salt and cook for 30 minutes (or until the liquid from the vegetables will be reduced). 
Let cool in the pan. 
In Turkey they serve with yogurt flavored with garlic and salt … but I, unfortunately, I had not … but you, try it.
 
 

You Might Also Like

12 Comments

  • Reply
    Ricette con i peperoni senza glutine | Cardamomo & Co.
    23 agosto 2016 at 9:01

    […] Ratatouille di peperoni, melanzane e pomodori […]

  • Reply
    Mary Di Gioia
    5 ottobre 2014 at 13:28

    Che bellissime foto Stefy..troppo lontano da me ..e questo piatto mmm fa gola davvero 😀

  • Reply
    Carolina Romano
    2 ottobre 2014 at 10:57

    Ci sarebbe una sorpresa per te nel mio blog, spero gradita. E' il lovely blog awards. Questo è il link del post:

    http://momentisenzaglutine.blogspot.it/2014/10/lovely-blog-awards.html

  • Reply
    Acquolina
    1 ottobre 2014 at 13:36

    bella iniziativa quella dell'olio, come la ricetta di verdure, davvero mediterranea!

  • Reply
    Mila
    1 ottobre 2014 at 9:34

    Beh le foto sono incantevoli e la ricetta degna di quei posti magnifici!!!

  • Reply
    La Gaia Celiaca
    30 settembre 2014 at 19:28

    i posti sono bellissimi ma troppo lontani per me, purtroppo
    invece questa meraviglia di verdure mediterranee potrebbero diventare vicinissime, se domani riesco ad andare a fare la spesa…
    sempre bravissima e … che foto!!!!!

  • Reply
    edvige
    30 settembre 2014 at 15:37

    Interessante peccato sia lontana ciaoo e buona serata

  • Reply
    Peanut
    30 settembre 2014 at 14:45

    Sono fermamente convinta che quando gli ingredienti sono di qualità ne bastano davvero pochi per fare un buon piatto, e queste belle verdure siciliane con l'olio novello di cui ci parli devono essere un qualcosa da ringraziare il creato! Interessante anche il suggerimento di accompagnarle alla salsina di yogurt all'aglio, che metterò senz'altro quando mi farò questo bel piatto ricco! Anche se so che non veràà mai come il tuo..;)

  • Reply
    La Cassata Celiaca
    30 settembre 2014 at 13:35

    qualunque origine abbia questa ricetta, buona assai è!

  • Reply
    Ketty Valenti
    30 settembre 2014 at 11:46

    Già di eccellenze ne abbiamo e io non farei a cambio con niente,l'ho detto!!
    carina la manifestazioni e luoghi incantevoli,a me poi incanta anche questo delizioso piattino,colori e prodotti … 😛
    Z&C

  • Reply
    patrizia vendramin
    30 settembre 2014 at 10:39

    Ho avuto la fortuna di assistere alla raccolta delle olive a casa di amici nelle Marche. E' stata davvero un'esperienza speciale! …e il piatto che hai proposto mi conferma che un bis-bis-bisnonno proveniente dal mediooriente devo averlo avuto…amo questi sapori e profumi tanto da averne fatto un post!! A presto, Patrizia

  • Reply
    Ale
    30 settembre 2014 at 8:39

    quanto adoro le verdure fatte così e poi con le melanzane buone che ci sono in Sicilia…una goduria! bella l'iniziativa dell'olio novello, peccato essere dall'altra parte dell'Italia! 🙁
    Un bacio mia cara

  • Leave a Reply