Primavera/ Primi/ Vegan

Così io SORGO impavido…

Non so quante volte ho letto, sui siti stranieri, di questo sorgo.

Sopratutto della farina di sorgo che pare, per le miscele senza glutine, faccia miracoli.

Trovarmelo davanti da Naturasì è stata come un’allucinazione. Meglio dell’apparizione ai tre pastorelli. 

Ovviamente niente farina, ma ci si accontenta anche del cereale. Non potevo non prenderlo.

Così torno a casa tutta contenta del mio acquisto. E diversamente dal solito, invece di contemplarlo fino a farlo scadere come faccio con tutto quello che compro, quando costa caro o è introvabile, quasi a voler trovare un’occasione speciale per utilizzarlo, che non riesco mai a trovare, l’ho cucinato subito. 

E, avevano proprio ragione ad osannarlo. Fra i cereali senza glutine è davvero il migliore, il più buono e quello che assomiglia di più, nel sapore (se ancora lo ricordo…) al grano.

E una resa che non vi dico. Per cui, che sorgo sia!

“Così, io sorgo impavido a solcare con l’ali l’immensità dello spazio, senza che il pregiudizio mi faccia arrestare contro le sfere celesti, la cui esistenza fu erroneamente dedotta da un falso principio, affinché fossimo come rinchiusi in un fittizio carcere ed il tutto fosse costretto entro adamantine muraglie.”

(Giordano Bruno,
L’immenso e gli innumerevoli)

sorgo con carciofi Cardamomo & co 1733

Sorgo con i carciofi
Preparazione
30 min
Cottura
20 min
 
Un cereale diverso, senza glutine, ma davvero ottimo, consumato come un risotto, con gli ultimi carciofi della stagione
Porzioni: 2
Autore: Stefania Oliveri
Ingredienti
  • 200 g sorgo
  • 3 carciofi
  • 1 scalogno
  • 1 limone
  • 2 cucchiai di yogurt greco
  • 2 cucchiai di vino bianco buono
  • prezzemolo
  • olio extra vergine di olive
  • sale integrale
  • parmigiano
  • 2 cucchiai di pangrattato senza glutine
  • olio evo
Istruzioni
  1. La prima cosa da preparare sono i carciofi.
  2. Lavate i carciofi e sfogliateli fino alle foglie più tenere, quindi tagliate la cima e il gambo, e tagliateli in quattro. Togliete la barbetta, (se la trovate e in questo periodo la trovate), e metteteli in acqua acidulata per non farli annerire. Spellate i gambi tagliateli a rondelle e mettete anche essi in acqua acidulata.
  3. Sbucciate uno scalogno e tritatelo.
  4. Mettete dell'olio in un'ampia padella (meglio se in un work) e fate scaldare, quindi fate soffriggere a fuoco basso lo scalogno.
  5. Aggiungete i carciofi, sciacquati e fate saltare.
  6. Quindi aggiungete il vino e fate sfumare.
  7. Abbassate la fiamma, aggiungete un mestolo di acqua, del sale e fate cuocere per 15 minuti con un coperchio.
  8. Nel frattempo fate bollire abbondante acqua salata e cuocete il sorgo, scolandola al dente.
  9. In un mixer mettete una parte dei carciofi e frullateli con lo yogurt, due rametti di prezzemolo, una presa di sale e un giro d'olio.
  10. Scolate il sorgo e conservate un po' di acqua di cottura. Fatelo saltare nel wok insieme ai carciofi e la crema di carciofi. Aggiungete l'acqua di cottura se ve ne fosse bisogno.
  11. In un padellino mettete il pangrattato un giro d'olio e una presa di sale e fate tostare brevemente.
  12. Condite il sorgo con il pangrattato.
Note
Munitevi di un paio di guanti per non farvi annerire le mani sbucciando i carciofi.
sorgo con carciofi Cardamomo & co 1727

You Might Also Like

8 Comments

  • Reply
    Franci (Gaudio)
    9 giugno 2015 at 18:00

    Vuoi dire che io ho provato il sorgo prima di te??? 😀 😀 😀
    E l’ultima volta che sono stata al NaturaSi’ mi è parso di vedere la farina di sorgo bruno… se non era un’allucinazione… ;o)

  • Reply
    lagaiaceliaca
    4 giugno 2015 at 0:30

    guarda, uguale uguale manco fossimo gemelle. anch’io sono specialista nel comprare ingredienti strani che faccio regolarmente scadere, in particolar modo quelli più cari.
    e anch’io ho di recente comprato il sorgo, curiosa di cosa ci avrei potuto fare. mi conforta sapere che è buono.
    io la farina l’ho trovata al gluten free expo, quella del mulino marello. bio, macinata e pietra e triccheballacche.
    la sto usando soprattutto per fare il lievito madre, ma presto ci proverò un pane. ha un bell’aspetto e una buon profumo.
    questo sorgotto invece ha un aspetto divino!

  • Reply
    Sonia
    2 giugno 2015 at 19:10

    ahahahah il titolo è troppo forte! non conosco il sorgo ma mi hai fatto venire una curiosità tremenda! va cercato e provato. bella ricetta davvero!

  • Reply
    Mimma e Marta
    2 giugno 2015 at 0:33

    Ma lo sai che Marta l’altro giorno voleva comprarlo? E ora non vedo l’ora di provarlo anch’io! Ottima ricetta 🙂

  • Reply
    Leti-Senza è buono
    1 giugno 2015 at 21:08

    Mitica Stefania!! 🙂 anche tu sei diventata una fan del sorgo!!! Benvenuta nel club!!! Ottima la tua proposta! Io di solito lo preparo come fosse un risotto, ma proverò anche questa tua versione deliziosa!!! Sei super! Baci, Leti

  • Leave a Reply