Viaggi

San Francisco senza glutine: 10 cose da sapere

Golden Gate, San Francisco - Cardamomo & co

San Francisco senza glutine: 10 cose da sapere

È passato un po’ di tempo dal mio viaggio a San Francisco.

Ma da quando sono tornata la vita mi ha preso prepotentemente, e scrivere un articolo come questo richiede tempo e concentrazione, che io non ho avuto.

Le foto sono state fatte tutte con il cellulare e non sono granché. Ma nel mio piccolo bagaglio a mano, perché abbiamo preso una low cost (la Norwegian Airways) per mantenere basso il costo del viaggio, anche la macchina fotografica non ci entrava. E il viaggio è stato anche piuttosto faticoso perché abbiamo dovuto prendere 3 aerei e quindi fare 3 scali, di cui due con pernottamento a Roma. Ne abbiamo approfittato per visitare anche la capitale (breve visita fugace), che il pargolo n. 3 non aveva mai visto.

Adesso, però, la Norwigian fa un diretto da Roma, quindi chi lo sa che non si faccia a breve un altro viaggetto?

In ogni caso San Francisco è stupenda e non potevo far passare in secondo piano questo viaggio.

Così, meglio tardi che mai, eccovi il mio breve resoconto e i miei 10 buoni motivi per visitare San Francisco.

1. San Francisco è la più europea delle città americane e se siete dei fan sfegatati della care vecchia Europa (e di conseguenza dei detrattori della buona giovane America), vi sentirete molto più a casa di quanto possiate immaginare.

San Francisco, infatti, è una città a misura d’uomo, con quasi un milione di abitanti, come Palermo, anche se 5 volte più estesa, grazie al fatto che ci sono pochi grattaceli a Down Town, mentre il resto della città è costituita da case basse, di massimo 3 piani, dei primi anni ’30. Uno dei miei migliori amici abita proprio in uno di questi palazzi, e domina tutta la bai, non vi dico lo spettacolo.

San Francisco - Cardamomo & co

Golden Gate, San Francisco – Cardamomo & co

 

Painted Ladies San Francisco


 Le Painted Ladies, San Francisco – Cardamomo & co

2. Il clima.

Il clima è diverso da quello che ci si aspetta. A San Francisco non c’è mai troppo caldo e nemmeno troppo freddo. E in estate, c’è spesso la nebbia perché le correnti oceaniche si scontrano con il calore della terra. E piove raramente. Per cui è il tempo adatto per fare i turisti. Portatevi una giacchetta leggera (un mezzo piumino) perché se tira vento, anche in piena estate, si toccheranno i 15 gradi, ma vestitevi a cipolla, perché se c’è il sole si può arrivare ai 30 gradi nell’arco di una giornata. E non dite che non vi ho avvertito.

 

3. Il traffico.

Leggenda metropolitane vuole che San Francisco abbia un traffico spaventoso. Ok, diciamo che è anche abbastanza vero, ci sono effettivamente molte, troppe macchine, ma fatevi un giretto in quel di Palermo e il traffico vi sembrerà un problema minore. Innanzitutto le macchine rispettano i segnali stradali . Lo STOP lo conoscono e lo esercitano, le file direzionali pure, per cui se si deve girare a destra si incolonnano a destra, se devono girare a sinistra, si incolonnano a sinistra e se devono andare dritto si mettono nella fila di centro. Vi sembrerà una cosa scontata, ma ad una palermitana è un grande stupore. Ora, le cose sono due:  o sono molto educati oppure sono stupidi, visto che non c’è nemmeno un furbetto che vedendo la coda inferiore a sinistra, si incolonna lì, sebbene debba girare a destra.

Però se proprio non vi sembra una passeggiata la loro guida sportiva nelle autostrade a 6 corsie, provate a fare scuola guida a Palermo e potrete affrontare qualsiasi cosa!

4. I terremoti.

È vero, San Francisco è attraversata dalla faglia di Sant’Andrea… È anche vero che ci sono stati diversi terremoti che hanno causato diverse vittime e incendi, visto che le case sono tutte in legno. È vero anche che nell’ultimo terremoto il Bay Bridge è caduto su se stesso (ed effettivamente un brivido freddo vi percorre la schiena se lo attraversate nella corsia che sta sotto…), però, siamo onesti, mica l’Italia non è a rischio terremoti e anche se qui le case son fatte in muratura, e dovrebbero avere la struttura in cemento armato, cadono lo stesso… Per cui, chissene’.

Bay Bridge  Bay Bridge, San Francisco – Cardamomo & co

5. La siccità.

Esattamente come in Italia, e molto di più al sud, la California ha attraversato un periodo di severa siccità… Tutto finito (al contrario di qui). Potete andare!

6. Le strade.

Lo so, avete tutti (almeno quelli della mia età, altrimenti andate a guardare qui) presente il famoso telefilm “Sulle strade di San Francisco” che vedeva un giovanissimo Micheal Douglas alle prese con gli inseguimenti dei delinquenti sulle strade di San Francisco. 

Ecco se da bambina io pensavo che fosse impossibile che quella città fosse vera, oggi che l’ho vista, penso che sia impossibile non rompere una macchina al mese salendo e scendendo per quelle ripidissime strade. Arrivare in cima e non vedere la strada che va giù è davvero meglio (o peggio) dell’ottovolante e pure a gratis. 

Ovviamente dalla cima di queste strade si gode di un panorama mozzafiato della baia e vale la pena soffrire un po’. Se poi volete farle a piedi, munitevi di un allenamento pre salita, oppure prendete il cable car (decisamente non economico), il caratteristico tram di San Francisco, dove vi suggerisco di coprirvi bene, perché è aperto.

San Francisco Cable 

Se volete noleggiare la macchina, non costa tanto, anzi, devo dire che forse è il mezzo più economico, ma, in compenso, i parcheggi a San Francisco costano davvero un botto.

Volendo potete anche affittare la bicicletta. Ne ho viste sfrecciare tantissime, sopratutto sul Golden Gate, ma non oso immagine ai polpacci al ritorno da un viaggio…

San Francisco 

7. Il mare

Be’, effettivamente San Francisco è una città di mare. Il mare però è l’oceano. E la  temperatura è fredda. E ci sono gli squali. Un mio amico mi spiegava però che agli squali non piace la carne umana (be’ qualcuno l’avrà pure confessato). Tanto è vero che la mordono, ma non la mangiano. Ma sono ghiotti di foche. E si capisce bene che gli squali non ci vedono bene e non sono muniti di oculisti, per cui scambiano gli uomini per foche… E però, sempre il mio amico, ci ha detto che in America, muoiono più persone schiacciate dalle macchinette distribuenti lattine, che attaccati dagli squali. Ovviamente questo non mi ha tranquillizzato al riguardo e in compenso, adesso guardo con sospetto le macchinette….

SPiaggia di San Francisco

La gita in battello però dovete assolutamente farla. Troppo suggestiva. Soprattutto se: 1. si alza la nebbia; 2. vedete i delfini; 3 le balene e 4. gli squali. Noi siamo stati fortunati, ne abbiamo visto 3 su quattro. Non abbiamo incontrato squali… ma c’era una macchinetta proprio all’ingresso del battello.

Bay Bridge, San Francisco

Bay Bridge, San Francisco – Cardamomo & co


 

8. Il cibo (San Francisco senza glutine?)

Lo so, state pensando “il cibo in America????” Be’ a San Francisco è diverso. A parte che potete trovare tutte le cucine possibili ed immaginabili, devo confessarvi che siamo stati in alcuni locali dove abbiamo mangiato degli ottimi hamburger di qualità, e, fra l’altro, avevano sempre la possibilità di avere anche il pane senza glutine.

McDonald, però, è il male anche lì, ed è frequentato solo da gente indigente. Per cui se ne vedete uno (e io non l’ho visto), stategli alla larga non è ben frequentato.

Gott’s è uno di questi, ad esempio. Si trova proprio a Ferry Building Marketplace, un posto incantevole (assolutamente da vedere, soprattutto il sabato mattina quando c’è anche il mercato), dove mangiare un hamburger assolutamente ottimo. 

Gott's Bay Bridge, San Francisco senza glutine - Cardamomo & co

Ferry Building, San Francisco

Ferry Building, San Francisco – Cardamomo & co

Il mercato davanti al Ferry Building a San Francisco - Cardamomo & co

Il mercato davanti al Ferry Building a San Francisco – Cardamomo & co

 

Ferry Building a San Francisco senza glutine - Cardamomo & co

Peperoni al mercato del Ferry Boat Building, San Francisco – Cardamomo & co

 

 

Se invece vi trovate a Sunnyvale  e a San Josè (una cinquantina di chilometri da San Francisco) c’è The Rok (e non è un errore, è scritto proprio così). Ottima carne cotta su una pietra, direttamente al tavolo, così ognuno si sceglie la cottura che si preferisce, ma dove si trovano anche delle insalate con cerali alternativi come la quinoa e un’ottima crema catalana.

The Rok Quinoa

Insalata di Quinoa a The Rok, San Francisco – Cardamomo & co

            Carne di The RokSan Francisco senza glutine - Cardamomo & co


 

Una catena che trovate in tutto il paese, invece è Chipotle. Cucina messicana dove potete assaggiare tutto tranne il burrito e le taco. Il piatto lo componete voi a scelta fra alcuni ingredienti.  Nella foto vedete Una piatto con carne, riso, pomodoro, sour cream e una insalata con tortilla di mais.

Chipotle, San Francisco senza glutine - Cardamomo & co

Chipotle, San Francisco – Cardamomo & co

 

E non solo. La specialità di San Francisco sono i panini con i granchi e l’aragosta. A Fisherman Wharf (sulla costa) potete trovare una quantità di localini dove potete tranquillamente consumare questo street food. Ovviamente non è economico (21 dollari), ma si mangia granchi e aragoste, mica pizza e fichi. E a che ci siete vi fate una passeggiate al Pier 37 e ammirate anche le foche.

Pier 37, San Francisco - Cardamomo & co

Pier 37, San Francisco senza glutine – Cardamomo & co

 

Dovete assolutamente consumare ciò che loro chiamano cioppino. Sostengono sia un piatto italiano. Ed effettivamente potrebbe esserlo visto che in realtà è una zuppa di pesce (ahimè con gamberi, di cui sono diventata allergica, per cui non l’ho assaggiato), che a quanto pare è buonissimo. 

Invece posso dirvi quanto è buono il Chicken Pot Pie, i Cinnamon Rolls, i Bear Claw, i Bagels e il pane che ho avuto la possibilità di assaggiare da Marpiosa Baking che cucina tutto assolutamente senza glutine. Si trova al Ferry Building (di cui sopra), dove il sabato si svolge anche il mercatino dei prodotti locali (no vi dico la frutta e la verdura che ho trovato e per le quali sono impazzita). Da Marpiosa, oltre a trovare tutto senza glutine, hanno anche delle alternative vegetariane, vegane e senza lattosio. Ho assaggiato quasi tutto, in un raptus di furore, e vi assicuro che è tutto strepitoso.

 

San Francisco senza glutine - Cardamomo & co

Mariposa, San Francisco – Cardamomo & co

Siamo anche stati da Cheesecake Factory  (all’interno di Macy’s, all’ottavo piano, della piazza più centrale di San Francisco, Union Square) dove in un menù ricchissimo avete la possibilità di scegliere fra varie alternative (ma non potete mangiare tutto) e tre alternative di dolci (chi si accontenta gode, e noi abbiamo goduto). Le pietanze possono essere consumate in loco o portate via, come abbiamo fatto noi, per la lunga fila per aspettare un tavolo.

Union Square, San Francisco – Cardamomo & co

 

Nella foto sotto vedete un panino con hamburger, bacon, pomodoro e insalata (pane inaspettatamente buono) e una fetta di Chocolate and Peanut Butter Cheesecake.

Cheesecake Factory panino

       Panino senza glutine di Cheesecake Factory – Cardamomo & co          Cheesecake Factory torta

Ovviamente se andate fino a San Francisco, non potete non andare a Sausalito. Un posto di mare incantevole, con ville bellissime, dove si trova un ristorante che fa anche senza glutine. Si chiama Scoma’s (ristorante italiano con contaminazioni americane) che si affaccia proprio sul mare. Un’atmosfera romantica e raffinata, con un servizio impeccabile, una proposta culinaria davvero buona. Ovviamente i prezzi, di conseguenza, sono “importanti”. Non è l’unico con delle proposte senza glutine, ma era l’unico che fosse aperto alle 15. Purtroppo con il fuso orario non ci eravamo accorti che fosse così tardi per pranzare.

Scoma's, Sausalito, San Francisco - Cardamomo & co

Scoma’s, Sausalito, San Francisco – Cardamomo & co

 

Se volete fare una colazione salata, anche da Rose’s Cafè (ristorante italiano) abbiamo trovato qualcosa senza glutine. Ottima scelta, ma per stomaci forti di prima mattina, come quello di mio figlio che alle 10 ha mangiato la polenta con bacon e uova.

Rose's caffè San Francisco

Colazione senza glutine da Rose’s Cafè, San Francisco – Cardamomo & co

 

Anche da Starbucks trovate una minima alternativa senza glutine, il che, se si ha voglia di un caffè (rigorosamente americano), non è poi così male.

Starbucks, San Francisco

Starbucks, San Francisco – Cardamomo & co

 

9. Cosa vedere assolutamente.

Da questo post sembra che l’unica cosa da fare a San Francisco è mangiare. E così non è. Ma essendo celiaca, capite bene l’importanza che rivesta per me questo aspetto.

In ogni caso, un po’ di spazio voglio dedicarlo anche ai luoghi di interesse turistico, oltre alle cose citate più su.

Assolutamente da vedere Alcatraz. Il giro in battello è bellissimo, ma se volete entrare nella famosa prigione, dovete prenotare prima… anche dall’Italia, visto che ci sono tempi lunghissimi di attesa.

Alcatraz, San Francisco

Alcatraz, San Francisco – Cardamomo & co

 

Alcatraz, San Francisco senza glutine - Cardamomo & co

Alcatraz, San Francisco – Cardamomo & co

 

Assolutamente da non perdere è il Palace of Fine Arts.

Palace of Fine Arts, San Francisco - Cardamomo & co

Palace of Fine Arts, San Francisco – Cardamomo & co

 

E ovviamente il Golden Gate.

Golden Gate, San Francisco - Cardamomo & co

Golden Gate, San Francisco – Cardamomo & co

Poco conosciuto, ma sicuramente da vedere, è il San Francisco California Art Insitute (855 Chestnut St). Perché? Perché possiede un affresco stupendo di Diego Rivera e la terrazza più alta per godere del panorama su tutta la città. Ma non è il solo posto dove trovare le sue opere, e qui potete vedere dove andare. 

Affresco di Diego Rivera, San Francisco - Cardamomo & co

Affresco di Diego Rivera, San Francisco – Cardamomo & co

 

Proprio lì vicino c’è Lombard Street, la strada a zigzag plurifotografata. Io l’ho percorsa in macchina e ho fatto un video che non le rende giustizia e, come potete vedere anche qui, giù nemmeno la foto le rende giustizia 🙁 

San Francisco senza glutine - Cardamomo & co

Lombard Street, San Francisco – Cardamomo & co

 

Anche China Town è da visitare, anche se non è imperdibile, ma se volete fare dei regali è il posto giusto dove risparmiare. Meglio e molto più affascinante è il quartiere giapponese.

China Town, San Francisco - Cardamomo & co

China Town, San Francisco – Cardamomo & co

 

Altro quartiere da visitare è Castro, più per l’importanza storica che per il quartiere in sé.

Castro, San Francisco - Cardamomo & co

Castro, San Francisco – Cardamomo & co

 

Fra i vari parchi che ci sono, da non perdere è il Japanese Tea Garden.

Japanese Tea Garden, San Francisco - Cardamomo & co

Japanese Tea Garden, San Francisco – Cardamomo & co

 

Da non perdere assolutamente le Painted Ladies, le quattro case (colorate) più conosciute al mondo, che sono belle di per sé, ma soprattutto per il magnifico quartiere dove sono ubicate (dove fra l’altro c’è anche la casa di Robin Williams)

Painted Ladies, San Francisco - Cardamomo & co

Painted Ladies, San Francisco – Cardamomo & co

San Francisco

San Francisco – Cardamomo & co

 

Una esperienza da fare assolutamente è il picnic sull’erba del Robin Williams Meadow. Se poi avete le prelibatezze che ci ha preparato la nostra amica e una musica sinfonica di sottofondo, direi che è semplicemente perfetto! Ogni anno la San Francisco Opera da un concerto in cui presenta la stagione e chi si abbona in quell’occasione riceve uno sconto.

Ovviamente, ma solo se siete ottimi camminatori e non avete problemi con la solitudine e la paura di incontrare qualche belva feroce, non potete perdervi Muir Woods. Si sale, si sale, si sale e l’ossigeno (oltre alla stanchezza e alla paura) mi hanno dato tanto alla testa che le foto che ho fatto sono inguardabili (be’, molto peggio di quelle che ho postato finora, e ho detto tutto!)

Miur Woods, San Francisco - Cardamomo & co

Muir Woods, San Francisco – Cardamoo & co

 

10. La gente

San Francisco è molto bella, cosmopolita, europea, affascinante, ma la cosa più bella è la gente. L’apertura mentale e la disponibilità è paragonabile alla ospitalità siciliana.

Tutti sono molto gentili e pronti ad aiutarti. E i commessi? Sono strepitosi. Se volete un esempio di estrema simpatia andate da William’s & Sonoma (soprattuto se siete amanti dei suppellettili di cucina e di casa) e incontrerete il commesso più chiassoso con la risata più coinvolgente che possiate mai immaginare. 

In ogni caso trovate sempre persone gentilissime e distese e non solo grazie al fatto che ormai in California la Marijuana sia legalizzata.

 

Vi ho convinti per affrontare un soggiorno a San Francisco? 

Fatemi sapere le vostre esperienze e se avete altri posti dove poter assaggiare piatti senza glutine, fatemelo sapere che sarò felice di aggiungerli!

 

 
Vi è piaciuta questo post? Restiamo in contatto, mettete MI PIACE alla mia pagina

 

 

 

oppure sul mio profilo Instagram

oppure iscrivetevi alla mia Newsletter

 

o ancora iscrivetevi ai mie Feed e riceverete ogni articolo in posta

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply